Referendum costituzionale 2016: chi ha vinto nel web?

Referendum costituzionale 2016: chi ha vinto nel web?

In Breve

Qualche post fa abbiamo parlato delle presidenziali usa 2016 in ottica web. Oggi lo facciamo con il Referendum Costituzionale appena concluso.

Tutti noi sappiamo che il 60% degli italiani che sono andati a votare ha detto NO alla riforma presentata dal Governo Renzi.

Ma nel web, com’è andata? Chi ha vinto?

Grazie all’analisi effettuata da BlogMeter – dal 24 settembre al 1° dicembre – vediamo qual è stata l’opinione degli utenti digitali.

Buona Lettura!

 

 

Web e social listening del referendum costituzionale 2016

image courtesy of primocanale.it

Nel periodo 24 settembre – 1° dicembre,  l’argomento referendum ha generato nel web e nei social network:

  • 4 milioni di messaggi,
  • 25 milioni di interazioni,
  • 335 milioni di visualizzazioni uniche.

Il canale che ha prodotto maggior traffico – in termini di messaggi – è stato Twitter con il 54%, seguito dal “gigante blu” Facebook con il 36%. Il resto dei messaggi è distribuito in siti di notizie ed altre piattaforme.

Lo scenario assume un’altra forma se invece si parla di interazioni:

  • Facebook: 75%
  • Twitter: 11%
  • Youtube: 9%
  • Instagram: 5%

In definitiva, a vincere nel web e nei social è stato il popolo del NO con il 60%, nonostante la significativa crescita del Sì riscontrata nell’ultimo periodo che ha accorciato il gap tra i favorevoli e non.

CONOSCI IL TASSO DI POPOLARITA’ DELLA TUA AZIENDA?

SAI COSA PENSANO GLI UTENTI DEI TUOI PRODOTTI/SERVIZI?

NON CONOSCO QUESTI DATI. VOGLIO CONOSCERLI

Hashtag, termini e contenuti usati per parlare del referendum costituzionale

Dall’indagine by Blogmeter emerge che tra gli hashtag:

  • #ioVotoNO,
  • #bastunsi,

sono stati quelli più utilizzati mentre tra i termini più citati troviamo:

  • votare
  • vincere
  • renzi.

Inoltre – stando a quanto rilevato – i video hanno avuto un impatto importante nella discussione sul referendum costituzionale.

In ambito politico, si segnalano il video realizzato e diffuso dal M5 Stelle e quello del Premier Matteo Renzi. Il primo ha registrato 2,4 milioni di visualizzazioni, il secondo 2 milioni.

Invece tra le fila degli youtubers ad aggiudicarsi la statuetta del video più visualizzato è stato Alessandro Masala, che ha generato oltre 450.000 visualizzazioni.

image courtesy of blogmeter.it

Adesso tocca a te!
Siamo curiosi di conoscere la tua opinione sull’argomento appena discusso.
Lascia un commento oppure contattaci via mail.

Grazie per il tempo concesso, ti diamo appuntamento al prossimo post.

Commenta il nostro articolo

Free WordPress Themes, Free Android Games